• Italiano
  • English

menu

Il capolavoro di Einstein. la teoria della relatività generale 100 anni dopo Conferenza per il pubblico, 20 novembre 2015

 

Il Capolavoro di Einstein. La Teoria della Relatività Generale 100 anni dopo

Conferenza per il pubblico

Nell'ambito delle iniziative per l'anno della luce, il Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra dell'Università di Parma, in collaborazione con l' Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, organizza un pomeriggio di incontri a carattere divulgativo con scienziati italiani esperti di relatività generale. L'evento è aperto a studenti delle scuole superiori, universitari e a tutte le persone interessate a conoscere le idee alla base della teoria dello spazio-tempo di Albert Einstein e i loro sviluppi più recenti.

Venerdì 20 novembre 2015, ore 15

Aula Magna, Università degli Studi di Parma,
via dell'Università 12 - Parma

ingresso libero

info:
http://www2.difest.unipr.it/gr100
gr100@difest.unipr.it

facebook: https://www.facebook.com/events/526973310799031/

Intervengono:

Giulio Peruzzi - Università di Padova
“Non ho mai lavorato tanto duramente”. La costruzione della relatività generale dai pochi dati iniziali alle clamorose conferme

Alessandra Buonanno - Einstein Institute, Potsdam
Le onde gravitazionali: un nuovo strumento per osservare l’universo

Paolo De Bernardis - Università di Roma “La Sapienza”
Relatività generale e universo: 100 anni di previsioni e di verifiche osservative

Augusto Sagnotti - Scuola Normale Superiore di Pisa
La relatività generale come fonte di ispirazione

--------------------------------------------------------------------
Nel Novembre 1915 Albert Einstein presenta all'Accademia Prussiana delle Scienze la più straordinaria teoria di tutti i tempi: la Relatività Generale. La nuova teoria dei fenomeni gravitazionali rivoluziona i concetti di spazio e tempo, spiega l'anomalia nel moto del perielio di Mercurio, predice la deflessione della luce e lo spostamento verso il rosso della radiazione elettromagnetica, apre la strada alla moderna cosmologia ed al modello del Big Bang, e fa previsioni straordinarie come i buchi neri e le onde gravitazionali.

Cento anni piu tardi la Relatività Generale rimane la miglior teoria del campo gravitazionale disponibile. Il suo successo è confermato, tra gli altri esperimenti, dall'osservazione delle onde radio emesse dalle stelle di neutroni (pulsars) e dalla sua applicazione nel sistema di posizionamento globale (GPS). All'alba dell'astronomia gravitazionale, la teoria è ancora oggetto di intenso studio. Le implicazioni cosmologiche e la fisica dei buchi neri hanno a tutt'oggi lati misteriosi quanto affascinanti. La sintesi della Relatività Generale con la teoria dei campi quantistica costituisce il sogno proibito dei fisici teorici.

 

Pubblicato Giovedì, 29 Ottobre, 2015 - 14:58 | ultima modifica Venerdì, 30 Ottobre, 2015 - 12:34